After and before quilting

Un paio di settimane fa la nostra Simonetta Zoppi, ha portato alla Scuola il suo nuovo quilt, “Glorious”, in via di completamento, quello che poi proporrà come BOM 2019 (stupendo, neanche a dirlo!)

Il fatto è che lo ha portato con l’intento di fotografarlo incompiuto, per mettere in risalto la differenza tra i blocchi non quiltati e quelli invece finiti. E sì perché mentre quilti la differenza salta agli occhi: il quilt prende vita, si completa…è un’altra cosa!

Avrei dovuto scrivere questo post diversi giorni fa ma sono stata impegnatissima e un po’ anche mi preoccupava la scelta delle parole giuste, perchè, ormai da anni, sento dire le stesse cose: non mi piace tanto quiltato, si indurisce, è più bello morbido…ecc…

Beh, non è così sappiatelo. Un quilt va quiltato sennò è un’altra cosa. Ora non c’è verso, non tutti si lasciano convincere e allora m’è venuta un’idea: ho inserito su google e su pineterest queste parole “after and before quilting”

E ora lascio parlare le immagini… 🙂